Per un’Alternanza Alternativa studenti e lavoratori uniti

Questa mattina abbiamo realizzato un volantinaggio davanti alle scuole di molte città italiane insieme ai lavoratori della FIOM CGIL in vista degli Stati Generali dell’Alternanza per chiedere che in quella giornata si affrontino le criticità riscontrate in questi primi due anni di applicazione della Buona Scuola e che le linee guida sull’alternanza capovolgano alcuni principi della legge 107/2015.

Con la Fiom condividiamo l’idea che l’Alternanza di qualità esista e sia utile e formativa, ma per realizzarla è necessario che il MIUR chiarisca cosa è Alternanza all’interno delle sue linee guida e metta al bando i progetti inutili e poco formativi a cui sono andati incontro già migliaia di studenti, compresi gli episodi di sfruttamento.

Vogliamo un’alternanza che sia davvero didattica alternativa per avere la certezza di un corretto svolgimento dei percorsi crediamo sia fondamentale il coinvolgimento delle associazioni studentesche e dei sindacati dei lavoratori, anche per questo abbiamo lanciato Referendum Studenteschi nelle scuole per una Carta dei Diritti degli studenti in alternanza che tuteli davvero gli studenti a differenza di quella che verrà proposta dal Miur questo sabato.

Crediamo che sia fondamentale l’attenzione alla cultura dei diritti sul lavoro, della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro per tutti gli studenti e le studentesse che faranno la loro esperienza nelle aziende e per questo crediamo che l’apporto della fiom nelle aziende metalmeccaniche possa aiutarci ad evitare i rischi di storture che si sono prodotte in questi primi due anni.