Umbria: firme per statuto dei diritti in alternanza e comodato d’uso

Il 17 Novembre saremo di nuovo in piazza perché non accettiamo una scuola sottofinanziata ed asservita alle logiche del mercato della formazione, ma, allo stesso tempo, vogliamo tornare in piazza con delle risposte per i tanti studenti che sono costretti a subire sulla loro pelle i ritardi, le inefficienze e le mancate soluzioni di una scuola che sempre meno riesce ad essere quel faro di cui la nostra società ed i nostri ragazzi hanno bisogno.

Vogliamo ripartire dalle condizioni materiali dello studente, vogliamo ripartire da tutte quelle variabili che rendono la scuola, troppo spesso, luogo di sfruttamento ed inaccessibile a molti, troppi, studenti.

“Vogliamo che le studentesse e gli studenti tornino ad essere i veri protagonisti della vita scolastica” – dichiara Luigi Leone Chiapparino, Coordinatore regionale di Altrascuola – Rete degli studenti medi Umbria – “e l’unico modo con cui ciò è possibile è far sì che le richieste e la voglia di cambiamento parta dal basso, da loro. Per questo motivo abbiamo deciso di iniziare una raccolta firme nelle scuole della nostra regione per chiedere in ognuna di esse l’approvazione di uno statuto delle studentesse e degli studenti in alternanza, che, portato avanti contemporaneamente in tutta Italia, puntiamo a far diventare la proposta alternativa al testo di Roma che ignora completamente le necessità e le richieste degli studenti, e l’istituzione di un comodato d’uso gratuito dei libri di testo!”.

“L’Alternanza è diventato in pochissimo tempo una parte fondamentale del percorso dello studente” – dichiara Melania Bolletta, responsabile provinciale di Altrascuola Retedeglistudentimedi Perugia – “Non possiamo accettare che diventi, fin troppo spesso, una perdita di tempo se non un vero e proprio sfruttamento da parte di chi ha una visione distorta e pericolosa di questa metodologia didattica!”.

“I prezzi esorbitanti dei libri di testo rendono di fatto inaccessibile la scuola a moltissimi studenti” – dichiara Emily Tomassini, Coordinatrice territoriale della Rete degli Studenti Medi Foligno – “Non accettiamo che una voce fondamentale per la crescita e la formazione dello studente incida così pesantemente nel bilancio familiare, per questo riteniamo fondamentale l’istituzione di un comodato d’uso gratuito dei libri di testo in ogni scuola!”.

“Sosteniamo gli studenti in questa giusta battaglia” – dichiara Domenico Maida, Segretario regionale di FLC – CGIL Umbria – “Siamo pronti a collaborare a questa mobilitazione lavorando con i ragazzi nelle scuole portando avanti insieme le loro rivendicazioni!”.

Il percorso che abbiamo iniziato il 13 Ottobre non è terminato nelle piazze di quella giornata e non finirà nelle piazze del 17 Novembre, abbiamo un’idea profondamente diversa di scuola e siamo determinati a lottare e lavorare per costruirla!

Ieri come oggi, sempre e per sempre dalla parte degli studenti! #17Nov