TORNIAMO A SOGNARE

Cambiamo la Scuola per cambiare il Paese

TORNIAMO A SOGNARE - Cambiamo la Scuola per cambiare il Paese

Siamo gli studenti che sono scesi in questi anni nelle piazze contro le riforme che hanno sempre più mortificato l’istruzione pubblica del nostro paese.Siamo gli studenti che hanno vissuto e animato le assemblee, le autogestione e le occupazioni delle scuole per costruire una scuola migliore, per rivendicare di avere voce nella discussione politica nazionale.Siamo gli studenti che non sono stati ascoltati, che sono stati marginalizzati, alcune volte ridicolizzati e definiti semplicemente dei perditempo e scansafatiche. La realtà è diversa. Abbiamo tanto da dire, e c’è tanto da fare per costruire una scuola nuova, degna di una generazione che ha visto la crisi abbattersi sul proprio presente e sul proprio futuro.E’ per queste ragioni che in un momento come questo, di campagna elettorale nazionale, vogliamo spiegare con chiarezza come riformare la scuola partendo dalle rivendicazioni degli studenti.Per farlo da domani mattina attraverseremo il Paese a bordo di una punto rossa provando a raccontare molti di quei ragazzi e ragazze che quotidianamente si battono per cambiare la propria scuola e di li il paese, con le problematiche che incontrano e le risposte che si danno. Per una scuola laica, inclusiva, di tutti, che sappia rinnovarsi con l’obiettivo di eliminare ogni diseguaglianza e formare cittadini liberi, consapevoli e indipendenti. Una scuola democratica, partecipata, a misura degli studenti che la vivono ogni giorno.

Pubblicato da Rete degli Studenti Medi su lunedì 5 febbraio 2018

Siamo gli studenti che sono scesi in questi anni nelle piazze contro le riforme che hanno sempre più mortificato l’istruzione pubblica del nostro paese.
Siamo gli studenti che hanno vissuto e animato le assemblee, le autogestione e le occupazioni delle scuole per costruire una scuola migliore, per rivendicare di avere voce nella discussione politica nazionale.
Siamo gli studenti che non sono stati ascoltati, che sono stati marginalizzati, alcune volte ridicolizzati e definiti semplicemente dei perditempo e scansafatiche.
La realtà è diversa. Abbiamo tanto da dire, e c’è tanto da fare per costruire una scuola nuova, degna di una generazione che ha visto la crisi abbattersi sul proprio presente e sul proprio futuro.
E’ per queste ragioni che in un momento come questo, di campagna elettorale nazionale, vogliamo spiegare con chiarezza come riformare la scuola partendo dalle rivendicazioni degli studenti.
Per farlo da domani mattina attraverseremo il Paese a bordo di una punto rossa provando a raccontare molti di quei ragazzi e ragazze che quotidianamente si battono per cambiare la propria scuola e di li il paese, con le problematiche che incontrano e le risposte che si danno.
Per una scuola laica, inclusiva, di tutti, che sappia rinnovarsi con l’obiettivo di eliminare ogni diseguaglianza e formare cittadini liberi, consapevoli e indipendenti. Una scuola democratica, partecipata, a misura degli studenti che la vivono ogni giorno.

Torniamo a Sognare Placeholder
Torniamo a Sognare

Le Tappe del nostro tour:

6 febbraio
Forlì
Modena

7 febbraio
Verona
Padova

8 febbraio
Sassari

9 febbraio
Cagliari

10 febbraio
Palermo
Siracusa

11 febbraio
Messina
Catanzaro

12 febbraio
Potenza

13 febbraio
Pescara

14 febbraio
Fermo
Frosinone

15 febbraio
Perugia
Terni

16 febbraio
Firenze
Pisa

17 febbraio
Roma