Roma: vittoria alla consulta studentesca, nessuno spazio ai neofascisti!

Lista Antifascista Consulta

Ancora una volta, per il quarto mandato di fila in Consulta, la sinistra unita ha dato prova di essere, fra gli studenti, la forza più compatta ed incisiva su tutto il territorio di Roma e provincia. Gli obiettivi, per essere conseguiti, hanno bisogno di basi solide e radicate nel tempo e nei luoghi della città: difatti, il successo che ci porta a detenere la maggioranza in consiglio di presidenza, contando ben nove membri su quindici, può essere considerato un grande risultato, una conferma del lavoro svolto finora e di quello che porteremo avanti, dopo anni di lavoro nelle scuole e nelle piazze, e dopo mesi di campagna indirizzata allo specifico lavoro di Consulta.

Consapevoli dello spaventoso e violento incedere delle forze neofasciste e stufi dei loro modi illiberali, abbiamo cercato di creare una vera e propria rete capace di unire tutti gli eletti di tutte le scuole del territorio. Li abbiamo incontrati giorno dopo giorno, abbiamo dialogato con loro, ascoltato le loro proposte; il tutto finalizzato alla costruzione di una lista larga e trasversale che racchiudesse l’intero elettorato antifascista, che oggi è composto da tutti coloro i quali ripudiano violenza, individualismo ed indifferenza, ossia tutto ciò che mina l’idea collettiva di partecipazione politica.

Il nostro percorso inizia proprio ora, dobbiamo attuare le nostre proposte con l’aiuto del forte gruppo che ci sostiene. La partecipazione infatti è molto importante per noi, quindi creeremo uno sportello online dove poter esporre problemi e proposte. Non dobbiamo abbandonare a sé stesse le periferie e proprio per questo motivo lanceremo una piattaforma per permettere ad ognuno di proporre il suo progetto di rigenerazione urbana e chiederemo l’apertura di tavoli di discussione in tema di mobilità con le varie realtà locali. Crediamo poi sia fondamentale moltiplicare gli spazi fisici di confronto, fondamentali per una scuola  che si professa democratica, luoghi di arricchimento personale che un’istituzione deve avere, per dare agli studenti luoghi in cui esprimersi e confrontarsi ad oggi troppo ridotti dalle “riforme” condotte dai governi negli anni. Abbiamo molte proposte che diano alternativa all’alternanza che spesso viene proposta nelle nostre scuole, per bloccare e sospendere tutti i casi di sfruttamento e garantire agli studenti solo percorsi formativi di qualità, nei quali lo studente deve essere messo al centro sia nella scelta che nella costruzione dei percorsi stessi.

Inoltre in questo periodo di crisi culturale dobbiamo portare il sapere all’interno delle scuole, passando scuola per scuola e classe per classe, organizzando eventi come la Giornata dell’Arte. In tema di edilizia abbiamo raccolto nel tempo un dossier con le varie problematiche delle scuole e continueremo a raccogliere segnalazioni, per ottenere una scuola che metta nelle condizioni gli alunni di viverla serenamente.

Infine, dobbiamo farci i complimenti per questa vittoria anche se dobbiamo ricordare che è stata una vittoria più faticosa degli anni passati visto il grande consenso che pian piano le forze neofasciste stanno ottenendo. Per lottare contro questo problema sempre più incombente quest’anno ci siamo proposti di puntare maggiormente sulla concretezza dei nostri ideali, trasformando lo studente in parte attiva della sua vita scolastica e in modo che non sia costretto a subire decisioni dei pochi.

Commenti